Italia. Marche investono 4mln in turismo

Le Marche vogliono evitare che i turisti vedano d’ora in poi queste terre solo come la regione del terremoto, e tutta la campagna di comunicazione e promozione turistica del territorio verrà riparametrata a questo scopo. È l’obiettivo dell’assessore alla Cultura e a Turismo della Regione Moreno Pieroni, che ha annunciato un investimento specifico di 4 milioni di euro. Fondi che saranno attinti da un bando europeo per la promozione e valorizzazione delle Marche in Italia e all’estero nel triennio 2018-2020.
La campagna punterà a sottolineare l’attrattività dei distretti turistici legati al mare, degli outlet, delle cittàd’arte, della cucina e dei prodotti tipici, dei borghi, delle piste ciclabili, e delle vie Francescana e Lauretana. Nell’arco dei tre anni sono inoltre previsti tre progetti di rilievo internazionale legati ad altrettanti personaggi illustri della regione, ciascuno dei quali darà vita a numerose attività sul territorio. Il primo nel 2018 collegato ai 150 anni della morte di Gioacchino Rossini; il secondo nel 2019 in occasione dei 200 anni della composizione dell”L’infinito’ di Giacomo Leopardi, e il terzo per celebrare i 500 anni della morte di Raffaello Sanzio. Un pacchetto di iniziative cui si aggiungerà una mostra dedicata al rientro nelle Marche delle opere di Lorenzo Lotto, con tele dell’artista provenienti dal museo del Prado di Madrid, dall’Ermitage di San Pietroburgo e dalla National Gallery di Londra.
Nell’attesa di una più generale riorganizzazione comunicativa che verrà messa a punto entro il prossimo anno – ha aggiunto Pieroni – restano in piedi tutte le iniziative di promozione turistica già programmate. Tra queste, quelle finanziate dallo Stato per progetti di eccellenza nel Centro Italia con fondi per le Marche pari a 680.000 euro. Attività di turismo esperienziale (cammini Lauretani e Francescani, piste ciclabili) con risorse del Por che superano i cinque milioni di euro. Tutte le fiere, le campagne di promozione anche radiofoniche delle grandi mostre ad Osimo, Loreto e Senigallia dedicate al Giubileo della Misericordia, e quelle di promozione turistica delle zone rurali attuate coi Gal (Gruppi Azione Locale).
Per quanto riguarda infine i prodotti tipici delle aree colpite dal sisma, si punterà soprattutto sull’e-commerce, mentre il prossimo Photowalk, il format di promozione turistica basato sulle foto dei visitatori diffuse sui social, sarà riservato soprattutto ai Comuni compresi nel cratere del terremoto. ”Le Marche – ha concluso Pieroni – avevano registrato fino ad agosto presenze turistiche in crescita e contiamo, in accordo col Governo, di far tornare nelle loro zone di provenienza gli sfollati ora ospitati negli alberghi della costa entro aprile-maggio del prossimo anno”.

ageabruzzo.it

10/11/2016